Padova calcio di Carlo Della Mea , 13/04/2021 14:14

Padova, primo...non prenderle: Mandorlini ha la migliore difesa d'Italia

Umberto Germano

Inter o Juventus? Macchè. L'Empoli capolista in Serie B? Nemmeno. La Ternana che dal Girone C è già promossa? No, e neppure Como, Alessandria e Pro Vercelli che lottano per la vetta nel Girone A. Nessuno come la grande muraglia biancoscudata. E' il Padova ad aver la miglior difesa del calcio professionistico italiano: 23 i gol subìti in 35 partite. Statistica che certifica la prima posizione in classifica, e dà forza alla corsa promozione. 

Un dato che si era già presentato, in questo campionato. E che il quotidiano sportivo nazionale Tuttosport ha riportato calibrandolo nella corsa alla Serie B. Ricordando anche come Mandorlini sia degno allievo di Trapattoni: insieme, all'Inter, nel campionato 1988/89 vinsero il tricolore incassando appena 19 reti in 34 partite. Prima non prendere gol quasi come un mantra. E di clean sheet, i biancoscudati, ne hanno una bella sfilza in questa stagione: in ben 21 partite su 35 la porta biancoscudata è rimasta inviolata.  

I meriti? Di tutta la squadra, ovviamente. Che partecipa attivamente alla fase difensiva. Non si può negare tuttavia la forza di una retroguardia solida e coesa, con dei punti di riferimento essenziali. Germano, in primis. Il biancoscudato che ha giocato di più, al pari di Della Latta. 3.021 i minuti giocati (in 36 partite) per il centrocampista che a inizio stagione è stato adattato a terzino, e da lì non si è più mosso visto l'ottimo rendimento. E poi Curcio, sulla corsia opposta: 2.758 minuti di corsa, intensità, assist (2) e recuperi. Al centro tante le opzioni. L'altezza e la fisicità di Kresic, l'esperienza e il carisma di Rossettini e Andelkovic, la duttilità di Pelagatti, l'affidabilità di Gasbarro. Giocatori che hanno ricoperto diverse posizioni, spesso e volentieri con buoni risultati. 

Capitolo portieri. Vannucchi è stato tra i protagonisti dei primi record difensivi stagionali. Molte le partite concluse con la porta inviolata. Poi qualche incertezza: quelle a Matelica hanno pesato in maniera decisiva. Tanto che lo staff tecnico, nella partita successiva, ha promosso titolare Dini, arrivato nella sessione di mercato invernale. E nella sua area, il Padova, ha acquisito ancor più sicurezza. Tanto che il portiere arrivato in prestito dal Parma in cinque gare ha subìto un gol: a Trieste, quello oramai celebre di Gomez segnato con un fallo di mano. 

La difesa è il miglior attacco, dunque? Sì…e no. Per arrivare al traguardo al Padova serve ancora impermeabilità, certo. Ma anche di gol pesanti: per arrivare alla fatidica quota di 80 punti che garantirebbe la Serie B.