Padova calcio di Redazione , 04/05/2021 12:16

Il giornalista Leandro Barsotti: Padova società virtuosa, forse dà fastidio ai piani alti...

Il giornalista Leandro Barsotti

Fa molto riflettere il ragionamento condiviso dal caposervizio allo sport del “Mattino di Padova” Leandro Barsotti intervenuto all'ultima puntata di “Supermercato” su Telenuovo. “Ci sono i playoff e non è finita - ha esordito -  il Padova ha dato dimostrazione di essere grande squadra con il miglior attacco, la miglior difesa e i 79 punti conquistati. Solo la differenza reti nello scontro diretto col Perugia lo ha condannato a perdere la promozione diretta. La squadra è forte e solida e la proprietà a sua volta è molto forte. C'è un proprietario ricco, Oughourlian, che ha investito del denaro mettendo dirigenti competenti, come la Bianchi e Boscolo e, nella parte tecnica, Sogliano e Mandorlini, tra i migliori in circolazione nel loro ruolo. Ecco se tutto questo dà fastidio al sistema lo devono dire…”.

“Nelle ultime 10 giornate il Padova, da quando ha fatto capire di essere una grande squadra con valori aziendali e di organizzazione seri, ha iniziato ad avere arbitraggi allucinanti. A Matelica un rigore contro per un fallo iniziato a 5 metri dall'area, a Trieste un gol alla Superman col pugno visto da tutti fuorché dall'arbitro, a Modena un altro arbitraggio ostile, nonostante non abbiamo fatto la nostra migliore partita. Perfino contro la Sambenedettese ci è stato negato un rigore netto. Il giorno dopo il gol di mano a Trieste peraltro è pazzesco che sia stata la Triestina a fare un comunicato dicendo di smetterla con le polemiche! Per carità magari è solo una sensazione ma troppe volte si è avuta l'impressione che il ‘Palazzo’ si dirigesse verso il Perugia. Nel calcio purtroppo il lavoro non è tutto. Ci sono le amicizie. Ci sono le relazioni. La forza della società che in serie A e B sarebbe una virtù in serie C diventa un punto debole. Detto questo il Padova dovrà, nei playoff, dimostrare di essere ancora più forte".