Padova calcio di Redazione , 20/06/2022 5:41

Di Livio: Il Padova non mi è piaciuto nelle finali, ma ripartirei da Oddo

Angelo Di Livio
Angelo Di Livio

Intervistato dal Corriere del Veneto l’ex centrocampista del Padova Angelo Di Livio torna sulla seconda finale consecutiva persa dai biancoscudati: “Purtroppo sì, l’ho vista. E il Padova non mi è assolutamente piaciuto, né all’andata all’Euganeo, né al ritorno al Barbera. Mi è sembrata una squadra schiacciata sotto il peso di responsabilità che non è riuscita a sostenere. Sul campo ho visto un gruppo impaurito, incapace di fare tre passaggi di fila, incapace di attaccare la profondità, che ha tirato in porta la prima volta al 38’ del primo tempo, che ha regalato un gol all’andata e uno al ritorno. Ho visto più volte giocare il Padova nell’ultimo campionato. E la squadra scesa in campo in finale, se si può dire che l’abbia fatto, non era quella che conoscevo. Ronaldo? Un capitano in una finale non può commettere una sciocchezza simile. Deve fare mea culpa, d’accordo che la partita era ormai incanalata in una direzione ben precisa, ma se c’era anche una minima speranza di farcela questa è svanita con l’espulsione. Ma questi giocatori si rendono conto della fortuna che hanno di vestire una maglia come quella del Padova in questo momento storico in cui altre società falliscono e trovare un club solido resta un’impresa? Secondo me si deve ripartire da Oddo, qualcosa di buono l’ha fatto e gli va data la possibilità di continuare. La squadra? A malincuore, ma dico che bisogna ricominciare da zero. Questo gruppo non ha dato quello che si sperava e adesso bisogna voltare pagina”.