Volley di Redazione , 21/02/2021 22:34

Kioene sconfitta (3-1) Ma che grinta a Piacenza

Sconfitta ma a testa alta per la Kioene Padova, che in Gara 1 del Turno Preliminare ha dovuto fare i conti anzitutto con la sfortuna. Dopo pochi minuti ha infatti perso il proprio opposto Stern, che si è da subito procurato una distorsione alla caviglia. Contro una Piacenza non certo brillante, i bianconeri hanno lottato con tenacia, rischiando di mandare il match al quinto set dopo un quarto parziale assolutamente entusiasmante. 3-1 il risultato finale e forze da recuperare in vista della sfida di domenica prossima. La Kioene però c’è.



LA CRONACA

Nel primo set, padroni di casa subito avanti per 4-2 grazie al doppio ace di Grozer. Ma arriva subito la doccia fredda, perché sull’azione del 4-3, Stern cade a terra mettendo male la caviglia sinistra: immediata la sostituzione con l’ingresso di Casaro. Piacenza picchia al servizio ed è ancora Grozer che mette a terra la diagonale che vale il doppiaggio (12-6). Gli emiliani però calano al servizio e di lucidità, mentre la Kioene trova coraggio e con Bottolo e Wlodarczyk agguantano il sorpasso (14-15). Il primo tempo di Vitelli e l’attacco out di Russell regalano un incredibile set ball ai veneti sul 21-24. Il servizio out di Grozer regala così il 22-25 alla Kioene.

Grande equilibrio anche in avvio di secondo parziale, con Clevenot a staccare 7-5 grazie a un bel mani-out. E’ un vero testa a testa, con Bottolo a piazzare a terra alcuni palloni pregevoli ma con l’opposto di Piacenza a tenere avanti i suoi nonostante i molti errori al servizio della squadra di coach Bernardi (16-14). Questa volta la Gas Sales Bluenergy controlla il vantaggio, costringendo coach Cuttini al time out sul 21-17. La Kioene non molla e sul finale ritorna col fiato sul collo: l’ace di Casaro del 22-20 porta Piacenza a chiedere pausa. L’attacco fuori misura di Wlodarczyk porta il primo set ball a Piacenza (24-21) e la pipe di Grozer manda le squadre al cambio campo (25-22).

E’ ancora monologo di Grozer a inizio terzo set, col suo doppio ace che vale il 5-1. Canella - in campo al posto di Volpato - prova a tenere i bianconeri vicini, ma sul 10-3 coach Cuttini cambia anche la regia, dando spazio a Ferrato per Tusch. Milan prende il posto di Wlodarczyk sul 22-15 ma l’inerzia è tutta per la squadra di casa che chiude 25-19 con il colpo dell’opposto tedesco.

Quarto set che inizia con Wlodarczyk dolorante a una gamba e Milan al suo posto (fuori anche Volpato). La Kioene si spinge avanti (3-6), ma la classe di Clevenot e Russel porta al sorpasso (10-8). Padova non demorde e Casaro trova l’ace del 15-14, con Bottolo molto propositivo. Bernardi chiama i suoi in panca anche dopo l’ace di Milan che vale il 20-19, ma è un testa a testa equilibrato. Clevenot trova il primo match ball (24-23) ma è il doppio tap in di Milan a ribaltare la situazione: 24-25. Padova fa soffrire Piacenza ma il punto che chiude il match (32-30) è un attacco out di Bottolo, comunque straordinario nel finale di gara.



IL TABELLINO

Gas Sales Bluenergy Piacenza – Kioene Padova 3-1

(22-25, 25-22, 25-19, 32-30)



Gas Sales Bluenergy Piacenza: Polo 6, Russell 15, Grozer 19, Clevenot 15, Mousavi 4, Baranowicz 1, Scanferla (L); Candellaro 4, Tondo, Antonov 2, Botto. Non entrati: Izzo, Fanuli (L). Coach: Lorenzo Bernardi.

Kioene Padova: Stern, Vitelli 5, Volpato, Bottolo 21, Tusch 1, Wlodarczyk 12, Danani (L); Ferrato 1, Casaro 10, Canella 4, Merlo. Non entrati: Fusaro, Gottardo (L). Coach: Jacopo Cuttini.

Arbitri: Lot-Zavater.

Durata: 29’, 29’, 24’, 44’. Tot. 2h 06’

MVP: Georg Jr Grozer

NOTE. Servizio: Piacenza errori 25, ace 6; Padova errori 27, ace 6. Muro: Piacenza 9, Padova 7. Ricezione: Piacenza 45% (22% prf), Padova 53% (29% prf). Attacco: Piacenza 38%, Padova 44%.